Conciliazione Paritetica ADR

L’ADR è una procedura di risoluzione alternativa (Alternative Dispute Resolution) che ha il vantaggio di offrire una soluzione rapida, semplice ed extragiudiziale alle controversie tra consumatori e imprese.
Il provvedimento che introduce in Italia la nuova disciplina delle procedure ADR è il decreto legislativo 6 agosto 2015, n. 130 che ha recepito la direttiva ADR per i consumatori 2013/11/UE.
Umbra Acque ha siglato un Protocollo di intesa ADR sulla conciliazione paritetica con le Associazioni Consumatori.

COSA E’ LA PROCEDURA DI RISOLUZIONE ALTERNATIVA ADR?
La Conciliazione Paritetica è un metodo di risoluzione extragiudiziale delle controversie che permette di dirimere i contenziosi tra consumatori e aziende in maniera rapida, semplice ed economica. Si basa su protocolli sottoscritti tra le associazioni dei consumatori e la singola azienda (o associazione di categoria), che stabiliscono le regole cui le parti devono attenersi per risolvere le singole controversie. La Commissione di Conciliazione è composta pariteticamente da due conciliatori adeguatamente formati, uno in rappresentanza dell’azienda e l’altro indicato dalle associazioni dei consumatori dell’utente. La procedura di conciliazione è su base volontaria: l’accordo raggiunto dalle parti viene sottoposto al consumatore il quale è libero di accettare la soluzione proposta o di rivolgersi alla giustizia ordinaria. Dal 1' Luglio 2019 la conciliazione paritetica diventerà obbligatoria prima di potersi rivolgere alla giustizia ordinaria.
  
DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER AVVIARE LA RICHIESTA DI CONCILIAZIONE:
Per avviare la procedura di conciliazione è necessario innanzitutto che il cliente abbia presentato un reclamo all’azienda; se questo non viene riscontrato o se la risposta fornita risulta inadeguata, si può attivare la procedura di conciliazione che deve necessariamente concludersi entro il termine prestabilito (dettagli alla sezione “tempi di risposta”).
La procedura di conciliazione può essere attivata dai cittadini, sia presentandosi agli sportelli delle Associazioni dei Consumatori, sia on line.
Nel caso di attivazione on line, per semplificare l’inserimento dei dati consigliamo di leggere con attenzione le informazioni e di preparare la documentazione da allegare prima di cliccare su “Invia qui la tua richiesta di conciliazione”. 
Elenco documenti (le voci con asterisco* sono obbligatorie):
  • a)      Dati del richiedente (dati anagrafici*, recapiti*, casella di posta elettronica* e/o               pec - posta elettronica certificata -, telefono fisso, telefono cellulare*, CAP*)
  • b)      Reclamo (scansione del documento)* 
  • c)      Eventuale descrizione scritta (non oltre 4.500 battute spazi inclusi)
  • d)      Eventuale risposta ricevuta
  • e)      Lettura del contatore e relativa data di lettura*

APPROFONDIMENTI
4 – Statuto


TEMPI DI RISPOSTA
I tempi di risposta di Umbra Acque ad un reclamo sono 30 giorni lavorativi dalla data di ricezione della domanda.
Il termine per la conclusione della Procedura ADR è di 90 giorni, decorrente dalla data di ricezione della domanda.
Tale termine può essere prorogato per esigenze motivate e per un periodo non superiore a 90 giorni.


ELENCO CONCILIATORI
L’elenco dei conciliatori è disponibile sul portale dell’ADR all’indirizzo https://www.associazioniconciliazioneadr.acea.it/home nella sezione “Elenco Conciliatori”